Come arredare un bagno cieco (parte 1)

Come arredare un bagno cieco, senza finestre? Questa è una delle domande che la nostra interior designer si sente porre con più frequenza dai clienti. Ora che il bonus ristrutturazioni consente di sistemare il bagno a metà prezzo in tanti si sono decisi a rifare il look al bagno di servizio. Ma come fare quando il locale è senza finestra?

Arredare un bagno cieco: i consigli per non sbagliare

Sono due i problemi fondamentali da affrontare quando ci si appresta a rinnovare un bagno cieco: illuminazione e umidità. L’assenza di una finestra infatti non solo rende l’ambiente buio e poco gradevole all’occhio, ma può causare anche macchie di umidità e persino muffa.

Ecco allora i 7 consigli dei professionisti per ristrutturare un bagno cieco

 

1. Pavimenti e rivestimenti

L’ideale sarebbe quello di scegliere lo stesso tipo di piastrella per i pavimenti e i rivestimenti. No ai rivestimenti a tutta altezza, che darebbero un senso di oppressione. Meglio lasciare un certo margine tra le piastrelle e il soffitto, completando il lavoro con pitture traspiranti e antimuffa.

Per quanto riguarda i colori, non essendoci luce naturale, è consigliabile optare per nuance chiare. Ovviamente va benissimo il bianco ma, per evitare l’effetto “ospedale”, è meglio ravvivarlo con tocchi di colore pastello o optare per toni caldi e naturali come il sabbia.

2. sanitari

I bagni ciechi sono di solito anche piuttosto piccoli. Per questo bisogna evitare di appesantirli con elementi ingombranti o scuri. Il classico bianco va benissimo per i sanitari e scegliendo quelli sospesi l’effetto sarà sicuramente più leggero e gradevole. Importantissima la scelta del box doccia, che sarà sicuramente l’elemento più ingombrante di tutto il bagno. Per questo è meglio sceglierlo trasparente, con profili il più possibile sottili, in modo da minimizzarne l’impatto estetico. Un consiglio nel consiglio: lasciare il box doccia aperto dopo l’uso è un accorgimento utile per far disperdere meglio il vapore e contrastare l’eccesso di umidità

3.Mobili

Per i mobili vale lo stesso discorso dei sanitari. Nell’arredare un bagno cieco è meglio rinunciare a quell’anta o quel cassetto in più per il set di asciugamani di riserva e prediligere qualcosa di più minimal, meglio se sospeso. Per le finiture anche in questo caso via libera ai colori chiari e pastello, ma anche ai materiali che richiamino la natura, come il legno grezzo. Per un tocco di modernità invece si può optare per finiture metalliche in acciaio che riflettano la luce

Ristruttura il tuo bagno a metà prezzo: per te la consulenza gratuita della nostra interior designer!

Leggi anche

iscriviti alla newsletter

Hai bisogno di maggiori informazioni?
Il nostro staff è a tua disposizione
Hai bisogno di maggiori informazioni?
Il nostro staff è a tua disposizione